Molte nuove prospettive si sono aperte nella fisica grazie a scoperte come l’esistenza del bosone di Higgs, che tutti conoscono con il soprannome di «particella di Dio»: ma gli esperimenti relativi non sarebbero stati possibili senza il LHC, il grande acceleratore del Cern di Ginevra, e senza molti altri strumenti molto avanzati. Ora, una nuova … Continua la lettura »